Il Rosmarino

Tratto da https://www.naturopatiaonline.eu/

Il Rosmarino (Rosmarinus officinalis) è una pianta perenne aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.

Originario dell’Europa, Asia e Africa, sorge spontaneo nell’area mediterranea nelle zone litoranee. Si  trova infatti in moltissimi giardini e su altrettanti balconi e terrazzi. È una pianta molto decorativa in tutte le stagioni ed è una delle spezie più utilizzate della cucina italiana. Ha proprietà diaforetica, carminativa, emmenagoga, nervina, antiossidante, colagoga, timolettica, decongestionante, antispastica, antimicrobica, stimolante della circolazione e febbrifuga.

Azioni sull’apparato digerente:

  • Protegge le pareti interne dell’intestino e riduce emorragie e diarrea;
  • Stimola l’appetito e la digestione, allevia flatulenza e distensione;
  • Migliora l’escrezione;
  • Favorisce la digestione di grassi e lo smaltimento delle tossine, grazie alle sostanze amare che stimolano il flusso di bile dal fegato e dalla cistifellea;
  • Ottimo contro itterizia, calcoli biliari e gotta

Azioni sulla circolazione:

  • Stimola la circolazione sanguigna alla testa e riduce infiammazione e tensione (specifico per emicrania e cefalea);
  • Stimola la circolazione generale e periferica;
  • Indicato in caso di vene varicose, geloni e arteriosclerosi.

Azioni sull’apparato respiratorio:

  • Contrasta le infezioni;
  • La tisana è impiegata in caso di febbre, catarro, mal di gola, raffreddori e influenza;
  • Antispastica in caso di asma.

Azioni sul sistema immunitario:

  • Antibatterico, antimicotico e antivirale.

Azioni sull’apparato urinario:

  • Diuretico, migliora l’eliminazione delle scorie.

Azioni sul piano mentale ed emozionale:

  • Eccellente tonico per il cervello, migliora la concentrazione e la memoria;
  • Calma l’ansia e allevia la depressione, l’esaurimento e l’insonnia.

Per uso esterno (in formulazioni semisolide – come le pomate – o liquide) è indicato come cicatrizzante di piaghe e scottature, parassiticida, reumatismi e dolori muscolari (grazie all’attività analgesica) e pediculosi.

Generalmente, si consiglia di impiegare preparazioni con concentrazioni di olio essenziale che variano dal 6% al 10% e di applicarle direttamente sulla zona interessata (compresse di garza e/o frizioni con soluzione alcolica al 2%).

L’essenza di rosmarino è controindicata in gravidanza e, in dosi eccessive, può provocare crisi epilettiche.

Una curiosità: l’alcolato di rosmarino era un tempo chiamato “Acqua della Regina d’Ungheria” (1370). Si narra che avesse trasformato una principessa settantenne, paralitica e gottosa in una seducente fanciulla, che fu chiesta in sposa da un re in Polonia.

Info su Rosy

consulente Fiori di Bach psicodinamica e clinica - genitori e bimbi-erborista-aromaterapia-massaggi rilassanti,drenanti, decontratturanti, riflessologia plantare –insegnante certificata massaggio infantile da 0 a 1 anno A.I.M.I-
Questa voce è stata pubblicata in aromaterapia, Fiori di Bach, fitoterapia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *