Olio di semi di lino

Questo è un vecchio articolo rivisto.

Era  stato scritto nel 2014 ma nel frattempo le ricerche effettuate ha dato  più rilevanza e certezze a questo semplice prodotto.

L’olio di lino vieneestratto dai semi della pianta Linum Usitassitum è sono  ricchi di vitamina F, vitamina E acido oleico e acido alfa linoleico, sali minerali, lignani, e glicosidi .

La vitamina F è molto importante per la pelle insieme alla vitamina E,

nutriente essenziale per la salute della cute.

gli acidi grassi essenziali rientrano nella costituzione delle membrane cellulari e di alcuni enzimi, sono precursori delle prostaglandine.

Ormoni locali che rivestono ruoli importanti nella coagulazione, nelle reazioni infiammatorie, nella funzionalità del sistema riproduttivo.

Regolano i processi di smaltimento e di utilizzo dei grassi e del colesterolo.

L’acido alfa oleico, migliora l’ossigenazione e la respirazione delle cellule, dona energia.

Migliora il transito intestinale, dona un umore più sereno e tranquillo. E’ essenziale per il sistema immunitario, per gli ormoni ed ha un ottimo effetto antinfiammatorio.

L’olio di lino quindi aiuta molto nella disintossicazione, regola i processi di smaltimento e di utilizzo del colesterolo, (omega 3) migliora il transito intestinale normalizzando la peristalsi. Esercita una funzione protettiva della mucosa intestinale, aiuta nella malattie degenerative celebrali, nei processi infiammatori, aiuta ad eliminare le tossine dall’organismo

E’ utile anche nell’artrite reumatoide, depressione, ed è un ottimo sostegno nelle patologie  cardiovascolari, vasoprottetiva, funziona anche da antiaggregante, quindi attenzione per chi fa già uso di terapie antiaggreganti e warfarin.

Per uso esterno :

Aiuta nella guarigione delle ferite, nella pelle secca, nella psoriasi

Molto utile anche usato sui capelli sia per la forfora e quindi si può usare massaggiandolo sul cuoio capelluto oppure sulla parte finale del capello per chi ha i capelli sfibrati.

Modo d’uso

Oggi troviamo l’olio di semi di lino anche capsule per chi magari non piace il retrogusto, in due percentuali di ALA 40% e 60% 1 capsula al giorno.

Mentre il dosaggio consigliato dell’olio sono due cucchiaini al giorno magari come  sull’insalata, yogurt, o altro.

Controindicazioni

Non deve essere somministrato nel caso si faccia uso aspirina, antiinfiammatori, aglio, ginko biloba, anticoagulati, warfarin

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

L’importanza del pensiero e il suo riflesso quotidiano

In questo incontro parleremo dell’importanza del pensiero.

E come cambiando prospettiva si possono cambiare situazioni, giornate, fatti e come di conseguenza possono cambiare gli altri nei nostri confronti.

Per prenotarsi è sufficiente inviare un messaggio di conferma su whatsApp o messenger in modo che possa inviare il link connettersi a Zoom.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

Salve a tutti

E’ un po’ che non pubblico nulla, ma sono momenti particolari che stiamo vivendo un pò tutti.

Quindi ritengo in questo momento dove tutti abbiamo un pò di ansie, paure ed altro sia più utile essere disponibile come sostegno diversamente online telefonicamente o in videochiamata.

Sono disponibile a sostegni con Reiki e altro.

Tutti mi chiedono cosa è meglio usare in questo momento per non ammalarsi. Be’ direi che ci impegniamo a non ammalarci ma di certezza purtroppo non è possibile darne, però vi dico cosa faccio io.

1) alimentazione sana evitando cibi raffinati, zuccheri e cibi già pronti, frutta e verdura di stagione ed ecco che in questo momento è possibile fare un bel carico di vitamina C con arance, mandarini, kiwi.

2) movimento fisico, piccole camminate, in strada o meglio ancora nei boschi , non è necessario camminare ore.

3) come sostegno fisico uso 1 bicchiere di acqua tiepida a digiuno, magnesio Supremo e Vitamina D in gocce che le trovo ottime e pratiche le metto sotto la lingua e via, probioti, mattina e sera dopo il lavaggio dei denti faccio sciacqui con oli essenziali di chiodi di garofano e melaleuca e lavaggi nasali con acqua salina, per pulire le vie aeree da ciò che ho inalato durante la giornata. questo è quello che faccio per proteggermi e quindi lo consiglio a voi.

In commercio in questo periodo si trova di ogni ma nessuno con una buona validità scientifica. per cui trovo inutile spendere senza certezza, sicuramente anche come proteggo me non ha certezze ma almeno ci provo. mi farebbe piacere ricevere le vostre domande e non solo il mi “piace”. grazie

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

ALGA KLAMATH Alga Verde-Azzurra

Di Grieco Rosa

Alga Klamath, Aphanizomenon flos aquae
alga verde Azzurra  che cresce spontaneamente ( non coltivata) su un lago incontaminato e ricco di moltissimi minerali il Lago Upper, che si trova in Oregon, dove ci sono sorgenti calde, ruscelli freddi montani, di origine vulcanica e due fiumi molto puri. Sono raccolte nel momento della loro massima fioritura da giugno a settembre ed essiccate.
L’Alga  klamath contiene: Vitamina C,  Vitamina E, colina,  carotenoidi, tra cui il betacarotene, clorofilla, utile alla ossigenazione sanguigna, calcio, cromo, Omega 3, Omega 6 acidi grassi essenziali, che aiutano ad abbassare il colesterolo, il GLA acido gamma linoleico,   aminoacidi, sostanze antiossidanti, vitamine del gruppo B, vitamina B12, minerali, oligoelementi, proteine, aminoacidi, sostanze antiossidanti come il glutatione, clorofilla, minime quantità di iodio e di sodio  ben bilanciate, contiene lipoglicoproteina simile al glicogeno che l’organismo assimila come fonte di energia immediata, alluminio tracce, calcio, cloro, cobalto, cromo, fluoro, ferro, fosforo, gallio, iodio, magnesio, manganese, , nichel, potassio, rame, selenio, silicio, sodio, stagno, stronzio tracce, titanio, vanadio, zinco, zolfo.
Quindi direi che a quest’Alga non manca proprio nulla, anzi direi che in primavera è molto utile per dare una bella spinta energetica, vitaminica, tonica al nostro organismo opacizzato durante la stagione invernale. Inoltre è stato riscontrato che aiuta il sistema immunitario, ha un azione antiradicali liberi, molto utile le malattie degenerative del sistema neurologico. Questa Alga contiene fenilalanina e feniletilammina, molecole che agiscono sul cervello modulando l’appetito, riduce la fame nervosa e quindi può esserci anche un leggero calo di peso ( 2/3 kg). Può essere utilizzata a cicli stagionali 1 o2 compresse al mattino a digiuno con un bicchiere di acqua  per un mese in primavera ed autunno. Ulteriori studi scientifici, hanno portato al riconoscimento ancora più concreto. Infatti sembra che usato per un certo periodo minimo 4 mesi, insieme a dei buoni probioti contenti anche loro alga <klamat possa portare ad una risoluzione di problematiche intestinale e di conseguenza oltre ad un energia fisica nuova, miglioramento della pelle, miglioramento della memoria e dell’attenzione, può eliminare una disbiosi intestinale in atto. con conseguenza di un miglioramento generale della salute.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

LA NOTTE DI SAN GIOVANNI


La notte di san Giovanni è una notte magica, la notte in cui tutto può succedere.

E’ la notte delle streghe e demoni, del bene che vince sul male.

Gli Antichi dicevano che in questa notte magica ”cade la rugiada degli Dei”, leggenda nata dalla credenza che il solstizio d’estate sia la porta attraverso la quale gli dei facevano passare i nuovi nati sotto forma di rugiada.

In questa notte ogni regione ha un suo rito, che  prosegue nei tempi e ancora si eseguono.

In alcune città ci sono feste in piazza con i fuochi che sono un augurio alla rinascita. Quest’anno sono state tutte sospese.

Vi scrivo alcuni riti uno in particolare è conosciuto in tutto il mondo, che è il rito della barca.

Il rito della barca

 Questo rito è molto conosciuto.

La notte tra il 23 e il 24 giugno si mette un chiaro d’uovo in un bicchiere, si aggiungono 4 dita di acqua, poi il bicchiere deve essere esposto alla guazza (rugiada).

Il mattino del 24 giugno si vede una base biancastra dalla quale si innalzano filamenti di diversa misura che hanno l’aspetto di una barca.

L’osservatore attento sarà in grado di cogliere segnali per sapere il futuro, in base alle forme che vede nel chiaro dell’uovo.


il rito delle spighe

Un’altra usanza da mettersi in pratica il giorno di San Giovanni consiste nella raccolta delle spighe di grano. Il grano da sempre è simbolo di fecondità e di rinascita, infatti prima di nascere resta sepolto sotto terra. L’elemento quindi ci rappresentare l’analogia del passaggio dell’anima dall’ombra alla luce. Secondo la tradizione, la raccolta di 24 spighe di grano la mattina di San Giovanni, da conservarsi per tutto l’anno, sarebbero un ottimo amuleto contro le sventure e per attirarsi la buona sorte.

Il rito della guazza di san Giovanni

La Guazza non è altro che l’acqua bagnata dalla rugiada.

Per prepararla, nel tardo pomeriggio del 23 giugno si raccolgono dei fiori di campo ginestre, papaveri, fiordalisi, petali di rose canine e di rose coltivate, caprifogli, iperico e un misto di erbe come salvia, rosmarino, basilico, finocchio, artemisia, immergere il tutto in una ciotola coperta di acqua e lasciata tutta la notte ala rugiada e ai raggi della luna. Ovviamente io ho fatto un elenco di fiori e di erbe ma ognuno può mettere quello che trova o quello che nel proprio giardino.

Al mattino successivo, ci si bagna piedi, mani, viso, parti intime, capelli e tutto il resto del corpo. Si dice che rinforza i capelli, leviga la pelle, porta via malanni e protegge dal male.

Un altro chicca è quella di mettere alla mezzanotte una candela (anche tea light) accesa su ogni finestra, per tenere lontano le streghe.

Un altro rito è quello di mettere un pugnetto di sale e una scopa appoggiata alla porta di entrata, per tenere lontano le streghe.

BUON SOLSTIZIO E BUONA NOTTE DI SAN GIOVANNI A TUTTI

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

Acqua questo fantastico elemento che spesso c’è ne dimentichiamo.

Di Grieco Rosa

H2O che bella formuletta mi è sempre piaciuta molto, ma spesso dimentichiamo a cosa serve.

Partendo da un concetto prioritario, che il nostro corpo è fatto del 75% di acqua, e questo dovrebbe farci capire molte cose. Ma anche l’importanza dell’acqua.

Quindi per avere un buon sistema muscolare, elastico, mantenere le articolazioni lubrificate, eliminare tossine, smaltire il cortisolo che è l’ormone dello stress, mantenere una buona funzionalità renale, avere una buona produzione di bile e quindi non appesantire il fegato, evitare o limitare la formazione di grasso addome, cosce, glutei ecc.,bisogna mantenere l’idratazione.

Generalmente si dice che bisogna bere circa 2 litri di acqua al giorno, in realtà la quantità di acqua giornaliera va in base al peso e lo stile di vita, sudorazione della persona.

Una persona di 70 kg possono bastare un litro e mezzo di acqua.

Quali sono i sintomi di una disidratazione?

Cefalea,

crampi,

debolezza,

confusione mentale,

pelle poco elastica,

eccesso di grasso localizzato,

cellulite.

La cefalea e lo stato confusionale è sicuramente uno dei sintomi più importanti che segnalano la poca idratazione.

Vero anche che una parte di liquidi la ingeriamo con l’alimentazione e soprattutto con la frutta e la verdura, ma ovviamente non riesce a coprire il fabbisogno quotidiano.

Spesso mi sento dire, ma io non ho sete, ok vero spesso non abbiamo la sensazione di sete. Oppure bevono un importante quantitativo di acqua velocemente, questo non è corretto, nel senso che il quantitativo di acqua che beviamo velocemente va direttamente in vescica, perché i tessuti non riescono ad assorbirla e quindi è come se non avessimo bevuto.

Come bere adeguatamente e stimolare la sete?

Il mio consiglio è quello di bere a sorsi spessissimo, in questo modo l’acqua viene assorbito lentamente dai tessuti ed è quello che noi abbiamo bisogno, e dopo un giorno massimo due ci accorgeremo che se allunghiamo i tempi di bevuta il nostro corpo ci manda segnali di sete e più esattamente sentiremo la cosiddetta “bocca asciutta”.

Ricordiamoci che in ospedale per l’idratazione si usa la somministrazione di flebo a goccia lenta.

Quale acqua bere?

E qui entriamo in un argomento diciamo “personale”, ognuno ha le sue preferenze. Generalmente si sceglie acqua in bottiglia e ovviamente bottiglie di plastica. Personalmente prediligo acqua di rubinetto è la più controllata, ma per una serie di motivi si può essere scettici in questa scelta, lo comprendo, ma a questo punto consiglio di comprare acqua in bottiglie di vetro.

Ma indipendentemente dalle scelte ricordiamoci di bere e di avere sempre una bottiglietta a portata di mano anche quando siamo in giro, ovviamente cerchiamo di usare delle borracce e oggi c’è ne sono una miriade di modellie che al proprio interno siano ricoperte da materiale non plastico.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

Olio Essenziale Incenso

Nell’antica India e Cina e in Occidente dalla Chiesa Cattolica veniva usato come incenso da bruciare, mentre in Egitto per maschere di bellezza, cosmetici e profumi. Anche oggi viene usato come incenso per purificare gli ambienti in genere, lo si trova in granuli o Olio Essenziale.

Da questa pianta che il suo nome originale è Boswellia Serrata, viene estratto la resina da cui viene estratto l’olio essenziale, ma anche insieme ad altri componenti troviamo i granuli, bastoncini da bruciare, olio essenziale.

Le sue proprietà:

antinfiammatorio,

 antibatterico,

antisettico,

infezioni delle vie respiratorie,

asma

 cicatrizzante,

 diuretico,

 tonico,

tonico uterino,

antireumatico espettorante,

 digestivo,

 riequilibrante del sistema nervoso,

 sedativo.

L’incenso è un olio essenziale molto utile nei bambini e negli adulti, ma anche per purificare gli ambiente.

Da ultime ricerche effettuate dalla Johns Hopkins University e dall’Università Ebraica di Gerusalemme, ed altre Università sono stati riscontrati ulteriori benefici per le sue proprietà psicoattive.

L’acetato   di incenso un composto che si trova appunto nella resina, attiva una proteina la TRPV3 che è presente nel cervello ed agisce molto sull’ansia, depressione, regolazione emotiva, previene deficit cognitivi dopo ischemia e quindi agisce e previene danni neurologici. Sembra anche che abbia proprietà anticancerogene o per lo meno si è rivelato utile a limitare gli effetti collaterali dei trattamenti farmacologici usati per il cancro. Quest’ultima parte è ancora in approfondimento. Quindi attendiamo ulteriori riscontri.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

Rimedi Erboristici, come mantenere alte le difese immunitarie.

  • E’ obligatorio la prenotazione entro giovedi 14.05.2020
  • per informazioni e prenotazione 3477554120
  • è sufficiente un semplice messaggio con whatsapp o messenger

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

L’acqua di Rosa: uso, proprietà e controindicazioni

DI GRIECO ROSA

L’acqua di Rose è un rimedio antico, usato molto dalle nostre nonne, quando ancora non esistevano i mille cosmetici che esistono oggi.

Ma è un rimedio esistente ancora oggi, per lenire le infiammazioni della pelle, per idratare e rinfrescare la pelle soprattutto nel periodo estivo.

È nato prevalentemente per le donne, ma può servire anche agli uomini come dopobarba se piace la profumazione, la pelle ne guadagna e ringrazia.

Si può usare come struccante, come rinfrescante o lenitivo. Utile anche spruzzato sugli occhi quando sono gonfi o stanchi, ovviamente con gli occhi chiusi.

Ottimo lenitivo, idratante, regolatore del sebo, attenua le rughe e le previene, è un astringente

Può essere usato su pelle con acne, psoriasi e altri tipi di infiammazione, ovviamente se la situazione non migliora meglio rivolgersi ad un dermatologo.

In caso di psoriasi è utile come rinfrescante, antinfiammatorio spruzzato sulla zona e lasciato asciugare e successivamente massaggiare una crema idratante naturale con 4 gocce di lavanda, 3 gocce di melaleuca in 50 ml di crema.

Possiamo fare un peeling del viso, ma anche del corpo aggiungendo zucchero e miele in parti uguali daremo una bella sferzata di energia e pulizia alla nostra pelle.

Come fare un acqua di Rose fatto in casa?

E’ molto semplice da fare.

Adesso ci avviciniamo alla fioritura delle rose, raccogliete ¾ rose, magari quelle più profumate, possibilmente al mattino presto. Togliete i petali sfioriti, o macchiati lavateli e metteteli in una pentola o recipiente di vetro o ceramica. A parte fate bollire circa 250 ml di acqua distillata e se avete una buona acqua non molto calcarea usate anche quella del rubinetto. Versatela nel recipiente in cui avete messo i petali di rosa facendo attenzione che vengano coperti dall’acqua magari schiacciandoli dolcemente con un cucchiaio di legno e lasciate riposare il tutto per almeno 15 ore. Ora prendete una bottiglietta di vetro possibilmente scura, (la luce potrebbe alterare il contenuto), precedentemente sterilizzata, filtrate il vostro composto attraverso una garza e imbuto, strizzata bene la garza contenente i petali, l’acqua di rose è quasi pronta, cosi durerebbe 30 giorni, ma se aggiungete 3 gocce di vitamina E il contenuto dura circa un anno. Meglio conservarla in frigo.

Controindicazioni:

testare sempre prima dell’uso sul polso o all’interno del gomito, potrebbe esserci un’intolleranza.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento

Oli Essenziali Bimbi

in questo corso impareremo a conoscere quali oli essenziali poter usare per i bimbi visto la potenzialità degli oli essenziali, le precauzioni e suggerimenti.

Pubblicato in Fiori di Bach | Lascia un commento