Cosa sono i Chackra


Cosa sono i chackra in realtà ?

I chackra sono dei vortici simili ad imbuto rovesciato, che aspirano energia e buttano fuori tossine, può succedere che a volte per eccesivo stress, rabbia, traumi, o altro, questo scambio può avvenire in eccesso o in difetto oppure fermo.

Vediamo insieme a quali organi corrispondono i 7 chiackra.

  1. 1’ Chackra è chiamato Muladhara è associata alle ghiandole surrenali, alla struttura ossea e al plesso coccigeo ed è responsabile della salute di gambe, piedi, ano, retto, intestino crasso, e coccige.
    Il funzionamento non corretto del primo chakra potrebbe manifestarsi con una sensazione di insicurezza, scarsa fiducia in sè stessi, apatia, eccessiva preoccupazione e paura di perdere ciò che ci dà sicurezza e senso di benessere.

Si può anche manifestare con eccessi di rabbia, aggressività, collera, gelosia, violenza o atteggiamento difensivo.

Il simbolo del primo chackra è di colore rosso.

  • 2’ CHAKRA” SVADHISTANA”  ed è localizzato nella zona ombelicale. La sua armonia è collegata al buon funzionamento di intestino, reni e gonadi e bilancia il nostro stato emotivo.

L’energia è associata alle gonadi (ovaie per le donne, testicoli per l’uomo), ed è responsabile della salute di genitali, reni, vescica, prostata, sistema circolatorio, denti, e ossa.

Il mal funzionamento non corretto del secondo chakra potrebbe manifestarsi in una chiusura nei confronti della “sensualità” della vita, generando una sorta di difficoltà nel provare stati di gioia. Gelosie, paure, desideri inappagati e ossessivi, impotenza e frigidità.

Il suo colore è l’arancione.

  • 3’ CHAKRA si chiama MANIPURA ed interessa principalmente stomaco, pancreas e fegato.

È la sede della determinazione, della forza di volontà, del potere personale e della fiducia in sé.

La ghiandola endocrina associata a questo chakra è il pancreas, che è responsabile dei processi digestivi, in quanto regola le funzioni di stomaco, fegato, milza e cistifellea.

Quando il chakra del plesso solare è bloccato, si possono percepire sensazioni di perdita di autostima e scarsa fiducia in sé stessi.

Il suo colore è il giallo.

  • 4’ CHAKRA, “Anahata”   ed è situato all’altezza del petto, governa il funzionamento di cuore, polmoni e ghiandola del timo. Esprime sostanzialmente la nostra capacità di amare noi stessi e gli altri.

Il chakra del cuore, e rappresenta il centro dell’intero sistema energetico, collega i tre centri inferiori, legati maggiormente agli aspetti materiali, con i tre chakra superiori, di tipo più mentale e spirituale, legati all’intuizione e al pensiero.

A questo chakra è collegata la ghiandola  timo, e questo centro energetico regola le attività dei polmoni, cuore, sistema circolatorio e respiratorio e il plesso cardiaco.

L’alteranzione di questo chakra può manifestarsi con l’incapacità di esprimere amore, o con il rifiuto di ricevere affetto.

Il suo colore è il verde

  • 5’ CHAKRA si chiama Vishuddha ed  interessa la zona della gola in generale e la ghiandola tiroide e paratiroidi.

Questo centro energetico regola le attività di gola, collo, bocca, denti, mandibola, udito, esofago, parte alta dei polmoni, braccia.

Il  mal funzionamento del quinto chakra può manifestarsi nella difficoltà ad esprimere le proprie idee, blocchi della creatività, eccessiva timidezza.

Il suo colore è l’azzurro.

  • 6’ CHAKRA, ADJNIA meglio conosciuto come “terzo occhio” interessa parte della testa e in particolar modo occhi, orecchie e ghiandola ipofisi. È legato alla capacità di “vedere” oltre il piano della materia.

IN questo chakra ha sede l’immaginazione creativa, le capacità intellettuali, e la memoria.

Il chakra del terzo occhio è associato all’ipofisi, la ghiandola adibita al controllo del sistema ormonale. Le parti del corpo ad esso associate sono cervelletto, sistema nervoso, sistema ormonale, occhi, orecchie, naso e seni paranasali.

Una sua alterazione si manifesta come un eccesso di razionalità, e comporta la difficoltà di vedere e immaginare la realtà in modo diverso da come la si percepisce, si fatica a fidarsi del proprio intuito, a mantenere la concentrazione o a ricordare le cose.

Il suo colore è l’indaco.

  • 7’ CHAKRA SAHASRARA è il vortice di energia corrispondente alla nostra sommità del capo. Interagisce principalmente con la ghiandola epifisi ed il suo equilibrio predispone alla capacità di sentirsi realizzati nella propria vita.

Il chakra della corona è associato alla ghiandola pineale, un centro che nel nostro corpo, regola il ritmo sonno-veglia, fame-sete e la temperatura corporea, oltre che stimolare l’ipofisi a produrre ormoni.

Una sua alterazione comporta un impedimento al flusso energetico lungo il cammino della coscienza, e si manifesta come difficoltà nell’apprendimento e nella concentrazione, oppure con un senso di chiusura e ostilità verso nuove informazioni o punti di vista.

Il suo colore è Bianco

Informazioni su Rosy

Consulente Fiori di Bach Psicodinamica e Clinica - genitori e bimbi-Erborista-Aromaterapia-Massaggi rilassanti,drenanti, decontratturanti, Riflessologia plantare –Cristalloterapia-Reiki
Questa voce è stata pubblicata in Fiori di Bach. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cosa sono i Chackra

  1. Bruno Venturini scrive:

    Molto interessante, come tutti i suoi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *