oleoliti fai da te

Parliamo questa volta di oleoliti, che si possono fare facilmente in casa.

Diciamo quelli più comuni possono essere Rosmarino, Lavanda, melissa, calendula. Ognuno di loro ha le sue proprietà.

Innanzitutto il procedimento che è uguale. Il 20% di prodotto e l’80% di olio. Quale usare? Oliva extravergine, olio di riso o vinacciolo.

E’ preferibile usare i fiori delle piante sopra elencate, ma del rosmarino ad esempio si posso usare anche le foglioline. Per il mantenimento basta aggiungere qualche goccia di vitamina E in modo l’olio non diventi rancido.

Procedimento raccogliere l’erba officinale prescelta o comprare i fiori secchi, ma io preferisco quelli freschi visto che poi sono piante che in genere abbiamo in casa o vicino casa.

Prendere un barattolo di vetro inserire il fiore scelto coprirlo con olio chiudere il barattolo con una garza per evitare che entri corpuscoli estranei , e metterli al sole di giorno oppure tenerli in un ambiente caldo, per 21 giorni, dopodiché filtrare il contenuto, travasarlo in barattoli di colore scuro aggiungere la vitamina E .  usarli quando è necessario.

proprietà

rosmarino : dolori articolari, rinfrescante, tonificante della pelle, normalizza la produzione di sebo.

Lavanda: rilassante, contratture, scottature, punture di zanzare, mal di testa da stress.

Calendula: antinfiammatorio della pelle, scottature, eczemi, dermatiti.

Informazioni su Rosy

Consulente Fiori di Bach Psicodinamica e Clinica - genitori e bimbi-Erborista-Aromaterapia-Massaggi rilassanti,drenanti, decontratturanti, Riflessologia plantare –Cristalloterapia-Reiki
Questa voce è stata pubblicata in Fiori di Bach. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *