EQUISETO

L’Equiseto (equisetum arvense) fa parte della famiglia delle Esquisetacee, si usano le parti aeree della pianta, i cauli i fusti, è diffusa in tutto l’emisfero boreale, discende dalle felci.

PRINCIPI ATTIVI.

Acido  silicico, sali di potassio, acido ascorbico, acidi fenoli, cinnaminici, dacaffeiltartrici, equisetonina, composti flavonici, isoquercitina, galuteolina, alcaloidi, 3-metossipiridina, palustrina, nicotina, cloruro di potassio, acido malico e ossalico, gliceridi dell’acido stearico, linoleico, lonolico, oleico.

CONTROINDICAZIONI.

Evitare  in gravidanza, in allattamento, alle dosi consigliate la pianta è sicura.

A COSA SERVE.

Viene usata principalmente nell’osteoporosi, la caduta dei capelli, le unghie fragili.

Ha un azione diuretica, ma non altera gli elettroliti, quindi aiuta molto negli edemi post-traumatici, e nella ritenzione idrica,  è un re mineralizzante, coadiuva nelle infezioni renali e dell’apparato urinario, utile nei calcoli renali favorendo l’espulsione di renella, rallenta il processo di invecchiamento di invecchiamento delle fibre elastiche, previene le rughe ed è utile nella cellulite. Viene usato anche nelle artriti e dolori articolari.

Info su Rosy

consulente Fiori di Bach psicodinamica e clinica - genitori e bimbi-erborista-aromaterapia-massaggi rilassanti,drenanti, decontratturanti, riflessologia plantare –insegnante certificata massaggio infantile da 0 a 1 anno A.I.M.I-
Questa voce è stata pubblicata in Fiori di Bach. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *