LA NOTTE DI SAN GIOVANNI


La notte di san Giovanni è una notte magica, la notte in cui tutto può succedere.

E’ la notte delle streghe e demoni, del bene che vince sul male.

Gli Antichi dicevano che in questa notte magica ”cade la rugiada degli Dei”, leggenda nata dalla credenza che il solstizio d’estate sia la porta attraverso la quale gli dei facevano passare i nuovi nati sotto forma di rugiada.

In questa notte ogni regione ha un suo rito, che  prosegue nei tempi e ancora si eseguono.

In alcune città ci sono feste in piazza con i fuochi che sono un augurio alla rinascita. Quest’anno sono state tutte sospese.

Vi scrivo alcuni riti uno in particolare è conosciuto in tutto il mondo, che è il rito della barca.

Il rito della barca

 Questo rito è molto conosciuto.

La notte tra il 23 e il 24 giugno si mette un chiaro d’uovo in un bicchiere, si aggiungono 4 dita di acqua, poi il bicchiere deve essere esposto alla guazza (rugiada).

Il mattino del 24 giugno si vede una base biancastra dalla quale si innalzano filamenti di diversa misura che hanno l’aspetto di una barca.

L’osservatore attento sarà in grado di cogliere segnali per sapere il futuro, in base alle forme che vede nel chiaro dell’uovo.


il rito delle spighe

Un’altra usanza da mettersi in pratica il giorno di San Giovanni consiste nella raccolta delle spighe di grano. Il grano da sempre è simbolo di fecondità e di rinascita, infatti prima di nascere resta sepolto sotto terra. L’elemento quindi ci rappresentare l’analogia del passaggio dell’anima dall’ombra alla luce. Secondo la tradizione, la raccolta di 24 spighe di grano la mattina di San Giovanni, da conservarsi per tutto l’anno, sarebbero un ottimo amuleto contro le sventure e per attirarsi la buona sorte.

Il rito della guazza di san Giovanni

La Guazza non è altro che l’acqua bagnata dalla rugiada.

Per prepararla, nel tardo pomeriggio del 23 giugno si raccolgono dei fiori di campo ginestre, papaveri, fiordalisi, petali di rose canine e di rose coltivate, caprifogli, iperico e un misto di erbe come salvia, rosmarino, basilico, finocchio, artemisia, immergere il tutto in una ciotola coperta di acqua e lasciata tutta la notte ala rugiada e ai raggi della luna. Ovviamente io ho fatto un elenco di fiori e di erbe ma ognuno può mettere quello che trova o quello che nel proprio giardino.

Al mattino successivo, ci si bagna piedi, mani, viso, parti intime, capelli e tutto il resto del corpo. Si dice che rinforza i capelli, leviga la pelle, porta via malanni e protegge dal male.

Un altro chicca è quella di mettere alla mezzanotte una candela (anche tea light) accesa su ogni finestra, per tenere lontano le streghe.

Un altro rito è quello di mettere un pugnetto di sale e una scopa appoggiata alla porta di entrata, per tenere lontano le streghe.

BUON SOLSTIZIO E BUONA NOTTE DI SAN GIOVANNI A TUTTI

Informazioni su Rosy

Consulente Fiori di Bach Psicodinamica e Clinica - genitori e bimbi-Erborista-Aromaterapia-Massaggi rilassanti,drenanti, decontratturanti, Riflessologia plantare –Cristalloterapia-Reiki
Questa voce è stata pubblicata in Fiori di Bach. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *