Il Blog di Pensare Positivo

Social Links

Share This

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Skype

Newsletter

I Fiori di Bach

 Hornebeam ( Carpine Bianco )

Sindrome del "lunedì mattina". affaticamento, stanchezza e sovraccarico mentale, astenia, rifiuto per il lavoro, si sente esausto, prova su di sé la fatica del vivere quotidiano. Pensa di non farcela, è senza energia, manca d’entusiasmo, ha un sovraccarico mentale, la mente è vuota ma pesante.   

Impatiens ( Impatiens Glandulifera )

Vuole tutto e subito. Spesso più intelligente della media,. Non è in grado di controllare i propri impulsi. S'imbottisce di medicinali perché non sopporta di essere malato, vuole guarire subito. Ha bisogno di muoversi e di fare. Pensa, parla, mangia, si veste e guida velocemente.  Anticipa la fine dei discorsi e toglie la parola di bocca a chi parla più lento. Refrattario ai lavori di routine, non s’inserisce bene nei gruppi, perché non ne accetta le regole. Non sopporta il ritmo più lento altrui né le interferenze al suo privato. Tensione muscolare, mentale, emotiva.

Larch ( Larix Decidua )

Non si sente capace perché non ha fiducia in sé. Si autolimita, si autosvaluta,. Pensa di valere meno degli altri, di essere meno abile. Personalità debole, non sa opporsi alle situazioni esterne negative. Soffre di complessi d’inferiorità, mancanza di autostima,.  Autolesionista, timido, pigro, rifiuto del lavoro autonomo. Cerimonioso, manierato. Non si mette alla prova e non agisce con la scusa della "modestia". Anche se non soffre di sensi di colpa, teme il giudizio altrui. Non riesce a cogliere le occasioni che la vita gli offre e rimanda all’infinito.

Mimulus ( Mimolo Guttatus )

Ha paura di ciò che ha provato, una paura tangibile, concreta, precisa, delle cose del mondo che ha vissuto e conosce: cane, medico, ascensore, lutti, viaggi, iniezioni, sfortuna, solitudine, incidenti, povertà, malattia, dolore, il buio, la morte, ragni o insetti particolari. Per non ripetere esperienze dolorose preferisce evitare di esporsi nuovamente. Sopporta la sua fobia in silenzio, non ne parla volentieri con gli altri, ha vergogna della sua paura e la nasconde senza affrontarla.  Teme tutti gli eccessi e ne è infastidito,rumori, freddo, luce, urla, confusione. Sotto stress si agita, può sudare, balbettare, arrossire e  alzare il volume della voce.